Le serate della domenica: Figli di Pulcinella | dom 19.05.13

figliAperitivi musicali della domenica in collaborazione con Massimo Ardore

Questa domenica suoneranno I Figli di Pulcinella

Francesco Piras: tromba
Stefano Grasso:
batteria
Andrea Jimmy Catagnoli:
sax alto
Vito Zeno:
contrabbasso
Gianluca Elia:
sax tenore
Alessandro Centolanza:
chitarra

Pulcinella ridendo e scherzando diceva sempre la verità!
I Figli di Pulcinella è un gruppo attivo nell’area milanese dall’inizio di questo Autunno. Le sue apparizioni sono attualmente per la maggior parte in strada.
Lavorando su brani tradizionali della musica jazz e di New Orleans, e principalmente su brani originali, combiniamo le influenze di ognuno di noi, i nostri diversi percorsi – che,in ambito jazzistico, vanno dal Dixieland al Free -, facciamo incontrare le nostre diverse sensibilità plasmando la musica in ogni istante.

Ma cos’è l’aperitivo musicale della domenica?
Le serate della domenica sono spazi in cui i gruppi presentano la propria musica al pubblico in un clima di ascolto, all’interno di un contesto tranquillo e accessibile di cui il concerto è la parte centrale. Il pubblico è chiamato a sostenere direttamente i progetti musicali, attraverso la nobile arte del cappello.
Vogliamo che riemerga una scena musicale, un movimento di musicisti che riporti la musica ad abitare più stabilmente e serenamente questa città.
Prima di ogni concerto è previsto un aperitivo a base di prodotti biologici con inizio ufficiale alle ore 20. I concerti inizieranno alle 22!

Due parole sul cappello
Essendo le serate estremamente accessibili e prive di biglietti di ingresso, chiediamo una riflessione sul funzionamento del cappello. Esso è il sostentamento dei musicisti, che dietro ad un’ ora di concerto ne hanno fatte innumerevoli tra studio,composizione e prove. Sarebbe bello dimostrare che per un gruppo di musicisti che offre la propria musica basta incontrare un gruppo che la ascolti per fare un concerto e portare avanti la propria attività!Insomma non vi sembri strano mettere più di 20 centesimi in un cappello!

Quella che si fa non è elemosina, ma un modo di riconoscere il lavoro dei musicisti e renderlo possibile, anche in una città come questa, che ne ha bisogno, ma che non offre grandi (né piccole!) prospettive a chi fa musica.

This entry was posted in bio, musica and tagged , , , , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *